ott 28

L’INTERVISTA Vendola: noi e il Pd in un nuovo soggetto

«Basta etichette stantie: anch'io voglio allargare all'Udc e so
che il vecchio welfare non regge»
ROMA - Vendola, che insegnamento dovrebbe trarre il centrosinistra
dal voto?
«Alle Amministrative ha vinto una spinta anti-oligarchica, che si era già
affacciata nello straordinario processo democratico delle primarie e ha
restituito vitalità e anima alla proposta politica del centrosinistra. E ha
perso il politicismo che domina soprattutto nei palazzi».
A che cosa si riferisce?
«A quei ragionamenti astratti sulle formule magiche della vittoria: si
vince al centro, il moderatismo è la chiave di volta, ecc. Ciascuno di noi
dovrebbe cimentarsi con il futuro invece che con il passato. Lo dico con
affetto ai leader del Pd: c'è qualcosa di stantio, c'è puzza di naftalina nell'uso disinvolto delle
etichette ideologiche con cui reciprocamente ci chiamiamo... Radicale, riformista, moderato...
Rompiamo con il retaggio delle nostre biografie e mettiamoci tutti quanti in mare aperto, a guardare
la scena nuova della politica perché c'è una scena nuova della società».
Vendola, pare di capire che lei stia prefigurando la nascita di nuova sinistra tutta unita.
«Io non ho ricette già pronte, però dico con umiltà ai miei compagni, a quelli del Pd, e a tutti gli
alleati: prendiamo il coraggio di affrontare l'inadeguatezza della forma partito, andiamo in campo
aperto. E questo vale per tutti, a cominciare dal mio movimento, Sel: al congresso fondativo abbiamo
detto che il nostro obiettivo non era tanto far nascere un partito quanto riaprire una partita. Noi non
dobbiamo recuperare lo spazio residuo che fu della sinistra radicale. Sarebbe come scrivere vecchi
copioni: il nostro compito invece è quello di rimescolare le carte insieme a tanti altri e altre».
Ma crede veramente che Bersani e il Pd accetteranno la sua proposta?
«Nel Pd si è aperta una discussione molto interessante. Bettini propone la creazione di un nuovo
soggetto unitario. Latorre invita noi e il Pd a essere i cofondatori di un nuovo partito. Il presidente
della Toscana Rossi ipotizza una lista unitaria di Sel, Idv e Pd. Sono tutti ragionamenti incoraggianti.
Finalmente c'è un'altra idea della politica. Nel cantiere dell'alternativa non distribuiamo le magliette
con i colori delle squadre, ma apriamo piuttosto le porte anche a tanti altri che non vengono dai
partiti e che portano, competenze, esperienze di vita, ricchezza di cultura. E in quel cantiere, insieme
agli altri, proviamo a farci le domande giuste e a darci le risposte giuste: non è forse questo il
programma dell'alternativa?».
Insomma, secondo lei il Pd, Sel, i partiti del centrosinistra sono pronti sul serio a compiere
questo passo.
«Perché no? È accaduto che parte rilevante della cultura riformista italiana e del Pd, che aveva
militato nella trincea dell'energia nucleare, abbia rapidamente ripiegato le proprie bandiere, è
accaduta la stessa cosa sul tema dell'acqua di cui molti propugnavano la privatizzazione. E non
voglio fare un discorso provocatorio: anche la sinistra radicale deve accorgersi, per esempio, che non
si può tenere in piedi il vecchio welfare. Oggi siamo tutti quanti chiamati a metterci in gioco».
Niki Vendola
ott 28

Incontro con Vendola

Incontro con Vendola domenica 31 luglio.
Organizzata da “Il Fatto Quotidiano” l’iniziativa di domenica 31 luglio a Fermo è stato
un appuntamento semplicemente  straordinario.
Dell’iniziativa se ne parla in molti giornali, chi vorrà potrà leggerlo, ed io vorrei
sottolineare un fatto che mi è accaduto a margine dell’iniziativa, del quale voglio
ringraziare Sandra Amurri.
Ero seduto tranquillamente in attesa del dibattito quando saluto la mia amica  Sandra
Amurri  che doveva coordinare il dibattito; Lei insiste perché io saluti Nichi Vendola e
l’Onorevole Latorre che si trovano sotto il palco in attesa dell’inizio del dibattito.
E’ Lei che mi accompagna e nel tragitto mi presenta anche  alla giornalista Lucia
Annunziata, altra partecipante al dibattito. Quando arriviamo sotto il palco Vendola si
era allontanato per rilasciare una intervista ed io ho iniziato  la conversazione con
Nicola Latorre, che avevo conosciuto alla Camera dei Deputati ,mentre Sandra si
allontana per riceve gli altri ospiti.
 Conosco il pensiero di Latorre che vede  un progetto dove SEL sia  protagonista della
sinistra; per questo mi sono permesso di fare alcune considerazioni sulla situazione
marchigiana, sul Partito Democratico  regionale e quanto stava accadendo ad Ancona.
Mentre conversavo con Nicola Latorre è arrivato Vendola che è  intervenuto nella
nostra fugace conversazione e in
particolare  sulla  necessità di
avere un soggetto molto più
ampio di quello di SEL che fosse
un “soggetto grande, inclusivo,
ampio”.
Gli ho detto che sin dalla festa
di Sinistra e libertà di Napoli mi
aveva convinto e che avevo fatto
bene a prendere una strada
diversa anche se non tutte le
questioni stavano andando per il
verso giusto.
Non c’è necessità che vada oltre sulla nostra conversazione, resta una questione
personale, condivido quando detto dal palco che è cosa di opinione pubblica. Voglio
sottolineare solo quella parte del suo intervento che parlava di se stesso e delle sue
angosce. “ come si può negare ad un uomo di 53 anni la felicità di esprimere  i
sentimenti nei confronti del compagno che ha accanto”.
Grazie Sandra per aver insistito anche perché sino ad oggi mi era stata negata questa
possibilità.
Claudio