Nov 19

L’oro di Roma. Un film del 1961 di Carlo Lizzani.Considerazioni di Claudio Maderloni

Penso che molti abbiano già visto questo film o che sappiano benissimo di che cosa si tratta, e per questo eviterei di entrare nel merito nella discussione della deportazione ebraica.

TUTTI NOI CONOSCIAMO LA QUESTIONE DEI RASTRELLAMENTI DEGLI EBREI, TUTTI NOI ABBIAMO LETTO E CI SIAMO DOCUMENTATI SUI CAMPI  DI CONCENTRAMENTO, AUSCHWITZ, DACHAU, BIRKENAU … ECC.

SONO CONVINTO CHE TUTTI NOI CONOSCIAMO COSA ACCADEVA IN QUEI CAMPI, LE IMMAGINI, LE ABBIAMO DAVANTI AGLI OCCHI, LE LETTERE DEI PRIGIONIERI E I RACCONTI DEGLI SCAMPATI DAI QUEI CAMPI

LI ABBIAMO DENTRO DI NOI.   LUOGHI DI STERMINIO DI ESSERI UMANI, NON SOLO PER GLI EBREI, Continua a leggere

Set 22

attivo regionale ANPI MARCHE 21 settembre 2013

relazione attivo regionale ANPI di Maderloni

Verso il settantesimo della Liberazione delle Marche dall’occupazione nazi-fascista  1944 – 2014

 Premesso che già quest’anno molte amministrazioni comunali hanno celebrato il sessantanovesimo della Liberazione dei loro territori, in previsione di una scadenza come il settantesimo del prossimo anno siamo sicuri che le iniziative si moltiplicheranno. Per questo l’ANPI regionale pensa sia rilevante predisporre una iniziativa da svilupparsi sulle cinque Province; iniziativa che possa raccogliere il consenso di tante amministrazioni comunali e coinvolgere associazioni pubbliche e private come indicato dalla Legge approvata di recente.

La proposta della nostra associazione parte da qui:  prospetta  che ci siano cinque momenti importanti nel corso dell’anno 2014, una iniziativa per Provincia, partendo dalla Provincia di Ascoli  per risalire la regione fino a concludersi a Pesaro Urbino. Continua a leggere

Set 05

Risposta ai liberi pensatori di chiaravalle

 

Quelli di “liberi di pensare” di Chiaravalle saranno liberi ma certo che di pensieri ne hanno pochini….

Dovrebbero fare opposizione invece si rigirano nei loro pensierini e non trovano altro che attaccare Maderloni.

Il 10 aprile 2012, con riferimento alla situazione in consiglio comunale, scrivevo  “…non c’è stato un atto che ha diviso questa maggioranza”, non si capiva perché avremmo dovuto avere un commissario prefettizio.”    “…. questi consiglieri lancino una sfida vera al Sindaco e alla Giunta, al Consiglio, si adoperino per far valere da subito le loro prerogative e cerchino in Consiglio la maggioranza necessaria per dare una svolta all’amministrazione di Chiaravalle”. Questa mia posizione di “sfida” sul piano democratico lanciata al Consiglio Comunale  (luogo costituzionalmente deputato alla risoluzione dei problemi) è stata maliziosamente interpretata come la ciambella di salvataggio lanciata alla Giunta.

Non avete avuto il coraggio delle vostre azioni e avete preferito in Consiglio un Commissario straordinario Continua a leggere

Set 03

intervento di Claudio Maderloni al Forum antifascista delle città dell’Adriatico-Ionico 31 agosto 2013

Quest’appuntamento è importante perché non ci fa sentire soli e ci da la garanzia che la lotta al neofascismo è ancora attiva e dialoga con questa nostra europa. e voglio avanzare una proposta : che dal Forum si elevi con forza  una voce per chiedere di non intervenire militarmente nella crisi siriana. La comunità internazionale deve ivitare un’altra guerra che porteberre altri morti e distrizioni.

Sono sempre valide le parole di De Sabata pronunciate alla costituzione di questo Forum nel 2005: questo Forum è importante per rivendicare una presenza di quest’area in Europa.

Il prossimo anno si andrà alle elezioni per il rinnovo del parlamento europeo, sarà un appuntamento importante perché è forte il vento che alimenta il nazionalismo, si vanno consolidando movimenti neofascisti e razziali.  E’, quindi, necessario un impegno particolare di tutti i movimenti antifascisti che dovranno sempre di più congiungere le proprie azioni e farsi sentire. Continua a leggere

Ago 09

Vendola: «Una sinistra che conta non lascia affogare il Pd. Rodotà è una garanzia rispetto ai rischi di minoritarismo»

 

mercoledì 7 agosto 2013 / dal Manifesto

Vendola: «Una sinistra che conta non lascia affogare il Pd. Rodotà è una garanzia rispetto ai rischi di minoritarismo»

«L’alternativa al governo che conclude il ventennio berlusconiano è dentro il parlamento. Con una maggioranza che voglia difendere la Carta dagli attacchi sovversivi. Ma un nuovo soggetto politico non può pensarsi minoritario». Intervista a Nichi Vendola di Eleonora Martini.

La via d’uscita al governo che «propina la cicuta agli italiani» sta nel Parlamento. In una nuova maggioranza composta dai partiti che «vogliono interpretare le grandi esigenze di cambiamento del Paese» e «confrontarsi su un programma di governo snello ma dall’azione riformatrice forte, al cui primo punto c’è la cancellazione del Porcellum». Per poi tornare alle urne. Ma il presidente di Sel, Nichi Vendola, guarda con attenzione e partecipazione anche all’iniziativa politica lanciata tra gli altri da Stefano Rodotà e Maurizio Landini che riunisce forze e movimenti, a partire dalla difesa della Costituzione. Anche se avverte: «Col Pd bisogna mantenere il dialogo». E pure col movimento di Grillo. Perché «l’Arcobaleno lo abbiamo già fatto e sappiamo come è andato a finire».

Il premier Enrico Letta traccia il bilancio dei 100 giorni di governo e conclude: «Gli italiani capiscono che non c’è alternativa alle larghe intese. Siamo a un passo dall’uscita della crisi e dunque è il caso di tenere duro ora e di mettercela tutta». Cosa ne pensa?
Sono stati 100 giorni di assoluta ambiguità, di opacità sul piano istituzionale e morale. Un governo che forza la mano alle camere per aprire un processo di controriforma della Carta costituzionale provando a intervenire su quell’articolo 138 che era stato immaginato dai costituenti come salvaguardia per la Carta rispetto ai rischi di manomissione dei principi Continua a leggere